Come allestire un’enoteca

Nell’allestire un’enoteca o un wine bar, la scelta dell’arredamento dice molto.
Se ci si affida a professionisti del settore, riesce più semplice ottimizzare la spesa, soprattutto in termini di scelta dei materiali e delle strutture degli arredi.

Umidità, temperatura e luce sono i veri nemici del vino

Considerando le diverse fasi seguite dal vino, dalla fermentazione all’imbottigliamento, il modo in cui si sceglie di allestire un’enoteca può influenzare la qualità stessa della bottiglia.
Il livello di umidità nell’ambiente, ad esempio, è un parametro da tenere presente in fase di progettazione degli spazi. Ambienti eccessivamente umidi, o anche troppo secchi, infatti, possono compromettere il gusto del vino. In questo senso i materiali scelti per l’arredamento sono fondamentali. Superfici resistenti e isolanti quanto basta garantiranno la conservazione ottimale dei liquidi.
Anche la temperatura è importante per il mantenimento della qualità dei vini. Una buona disposizione degli scaffali e degli espositori sarà indispensabile per allestire un’enoteca che si rispetti.
La luce, infine, oltre a danneggiare il vino (se diretta), può causare un aumento della temperatura generale, quindi compromettere le proprietà della merce esposta.

Nulla deve essere lasciato al caso. Allestire un’enoteca non è un gioco da ragazzi, ma un compito arduo e complesso destinato ai professionisti del settore.

Ecco come abbiamo arredato alcune enoteche in Salento:

allestire un'enoteca 1

allestire un'enoteca 2